CHI SIAMO

STRATEGIE DI IMPRESA

ARTICOLI TECNICI IN GOMMA E PLASTICA
100% MADE IN ITALY

Impianto di produzione di oltre 25.000 mq con una capacità produttiva di
oltre 9.000 tonnellate di gomma su base annua
con più di 1.000 formulazioni di mescole

arrow-down

La SOGO S.p.A. è una consolidata azienda manifatturiera, leader in Europa, focalizzata sin dal 1967 nel campo della progettazione, produzione e distribuzione di articoli tecnici in gomma, plastica e antivibranti – per i settori automotive, ferroviario e altre industrie – e nella produzione e commercializzazione di mescole. L’esperienza accumulata in oltre cinquant’anni di lavoro ci permette di essere oggi fornitori di clienti di rilevanza mondiale in tutti i settori di competenza.
 L’attività tecnico-commerciale è rivolta all’intero mercato europeo ed extra-europeo attraverso una rete di vendita specializzata per paese con l’obiettivo di garantire alla clientela la massima affidabilità e il miglior servizio. Peculiarità dell’azienda, molto apprezzata, è quella di essere in grado di produrre articoli progettati su indicazione e disegno dei clienti oppure su co-design, affiancando il cliente stesso sin dalle fasi iniziali del progetto per giungere sino alla realizzazione di un prodotto finale qualitativamente perfetto nel più totale rispetto degli originali requisiti applicativi.

Dal 1996 ad oggi, SOGO ha più che triplicato il fatturato nel settore automotive e incrementato sensibilmente il suo giro d’affari verso il mercato estero, stabilizzando collaborazioni con grandi produttori come FCA, Bentley, Daimler, Volkswagen, ecc. Nel settore ferroviario, SOGO è produttore diretto di clienti di primaria importanza nella gestione e costruzione di linee ferroviarie ad alta velocità, linee metropolitane e tranviarie quali: ferrovie tedesche, italiane, francesi, marocchine, portoghesi, belghe.
 Inoltre, ha ottenuto negli ultimi mesi la omologazione dalle ferrovie russe per potenziare future forniture. L’azienda, tutt’oggi, continua a puntare su un modello di business totalmente Made in Italy, basato sul continuo miglioramento dell’organizzazione aziendale, sull’innovazione di prodotto e di processo e sulla diversificazione dei mercati/clienti.

TEAM

MANAGEMENT

Luca Melgrati

AMMINISTRATORE UNICO

Antonietta Rossi

RESPONSABILE AMMINISTRAZIONE & FINANZA

Massimo Pupella

DIREZIONE COMMERCIALE & MARKETING

Angelo Baldassarra

RESPONSABILE QUALITÀ & AMBIENTE

Lorenzo Agosti

DIRETTORE DI STABILIMENTO E UFFICIO TECNICO

Agostino De Marchis

RESPONSABILE MATERIALS

punti di forza

  • Formazione continua ai propri dipendenti
  • Attenzione alla qualità ed efficienza
  • Co-design
  • Rapidità ed elasticità
  • Attenzione al benessere di ciascuno dei collaboratori
  • Crescente investimento in attività di Ricerca & Sviluppo
  • Sviluppo di nuove mescole e supporto alle aziende clienti
  • Consistente ampliamento delle attrezzature tecnico-produttive
  • Tutela dell’ambiente

POLITICHE AZIENDALI

Punto di forza – nel corso degli anni – si è rivelata la strategia di inserire, all’interno delle strutture SOGO e all’interno della filiera produttiva, personale lavorativo appartenente a cooperative Onlus impegnate nel sociale e nel volontariato, con lo scopo di combinare l’attività imprenditoriale con la dovuta attenzione al tessuto sociale in cui la SOGO da sempre è presente. A differenza di molti competitors, SOGO ha mantenuto sempre il 100% della produzione in Italia.

La capacità della nostra impresa di rispondere tempestivamente ai cambiamenti del mercato è frutto di un’efficace organizzazione del lavoro e di un impegno costante che affonda le sue radici proprio nella dotazione di un know-how del tutto italiano. Da oltre 50 anni ci avvaliamo di risorse dirette ed indirette provenienti dalla zona di Frosinone. Ciò ha permesso la creazione di un’importante relazione e di un legame “sociale e culturale” tra la nostra azienda e il territorio, nonché una costante ed incessante attenzione alla salvaguardia del territorio e dell’ambiente.

UNA STORIA LUNGA 50 ANNI

IL SEGRETO DEL RINNOVARSI

arrow-down

dal 1967...

Un continuo battito di macchinari che risuonano all’unisono, il calore che si unisce all’odore della mescola in fase di produzione. Tanti gli operai che ininterrottamente lavorano alla preparazione della materia prima e allo stampaggio dei prodotti finiti. Con i loro guanti protettivi grigi, sporcati dal nero della gomma, si fermano solo un millesimo di secondo per scrutarci. Nulla qui può arrestarsi. La concentrazione deve essere massima. Precisione e attenzione non devono essere disturbate… se non dal rumore delle presse. Ecco il segreto per far sì che ancora una volta avvenga la magia. Quella stessa magia che ogni giorno, da oltre 50 anni, si verifica negli impianti di produzione SOGO. Dalla semplicità della materia prima nascono magicamente gli articoli in gomma finiti, pronti per essere inviati al laboratorio Controllo Qualità. Tutti gli operai sono sapientemente ben coordinati dal loro capo squadra. Un signore di 62 anni circa, dallo sguardo profondo, caldo, accogliente… proprio come l’odore che qui si respira.
Sono oltre 40 anni che il Sig. Ceccarelli lavora presso gli impianti di produzione della SOGO S.p.A.
Ci aspetta nella sua postazione, con quella compostezza tipica di chi è padrone del proprio mestiere. Un mastro operaio che – attraverso un sorriso raggiante – lascia trasparire tutta  la sua competenza. Ama questo lavoro e insegnarlo ai giovani. Il suo è un lascito prezioso da tramandare e custodire negli anni che seguiranno…

Sig. Ceccarelli, come è iniziata la sua avventura presso SOGO?
Mi chiamarono dall’ufficio di collocamento. Eravamo in quattro, e ci dissero: “Dovete andare presso gli uffici SOGO e fare un colloquio con la Signora Antonucci”. Era di venerdì se non ricordo male… eh sì perché pensai: “Proprio di venerdì … chissà se porterà bene oppure porterà male!”. Andò benissimo! Il lunedì successivo iniziai la mia avventura. Feci 15 giorni di prova per poi essere assegnato al reparto stamperia. Dopo un paio di anni diventai responsabile del turno di notte.

Quindi lei ha ricoperto un ruolo di responsabilità molto presto?
Eh si! Subito dopo tre anni dal mio arrivo. Il capoturno di notte non c’era e quindi questo ruolo fu assegnato a noi ragazzi. Fu davvero importante questo ruolo per me, in quanto avvertii concretamente che l’azienda mi stava dando fiducia e io feci del mio meglio per non deludere nessuno. Dopo un breve periodo, per un paio d’anni ho lavorato i trafilati per noi… mi lasci passare il termine noi, perché SOGO per me è una famiglia, non esiste un io e un loro, ma un noi.

In quegli anni, cosa rappresentò per lei SOGO?
Io ho deciso subito di restare qui perché la mia è stata un’esperienza, come dire, molto “curiosa”. Fui affascinato subito da questo mondo… il fatto della gomma, che come per magia si trasforma in un prodotto finito sotto i nostri occhi. Ancora oggi resto meravigliato nel vedere il prodotto finito. È una magia che si ripete ogni volta!

E oggi?
Io sono arrivato qui che ero giovanissimo, avevo solo 24 anni. Sono cresciuto con l’Azienda. È parte di me. Questo lavoro mi ha permesso di raggiungere traguardi importanti. Ho avuto l’opportunità  di poter insegnare questo mestiere a tanti ragazzi. Ad ognuno cerco di far capire che se un’azienda dopo 50 anni ancora esiste, è perché ci siamo sempre impegnati in modo continuo e costante. A loro tocca fare altrettanto.

ad oggi

Un lungo corridoio illuminato dalla luce proveniente dalle grandi finestre affacciate sul cortile antistante i reparti di produzione SOGO. Tutto sembra in perfetta sintonia. Un silenzio composto, ordinato, ma in realtà, è un silenzio solo apparente. Un’incessante attività di catalogazione, contabilità, segreteria procede inarrestabile… Ci troviamo negli uffici dell’area amministrativa. Anche qui sembra di respirare odore di gomma; quell’odore di gomma che in SOGO ha un significato ben preciso: esperienza, crescita, condivisione.
E’ qui che incontriamo la giovanissima Natasha, stagista di soli 22 anni. Ci accoglie con entusiasmo e con un immenso sorriso che denota tutta la carica emotiva e la forza dei suoi anni. Tanta è la voglia di raccontare la sua esperienza …quell’opportunità che sa bene quanto preziosa possa essere per il suo futuro.
Oggi, a distanza di soli sette mesi, è diventata una piccola grande professionista, ma sa bene che ha ancora molto da imparare.  Ama respirare quell’odore di gomma e avventurarsi tra i vari reparti. Ama ammirare l’incessante lavoro degli operai alle prese con gli stampi e la lavorazione delle mescole. Nei suoi grandi occhioni verdi, leggiamo un pizzico di orgoglio e di ammirazione verso un’azienda che le ha regalato la cosa più importante che una giovane come lei oggi possa avere: la speranza di un futuro…

Natasha, come sei giunta qui in SOGO?
Prima di giungere qui, ho frequentato diversi istituti scolastici. Ero molto indecisa su quali studi intraprendere. Poi ho deciso di iscrivermi a Ragioneria. All’inizio è stato un po’ difficile, ma col tempo ho capito che era la strada giusta. Questa percezione si è rafforzata quando è arrivata questa opportunità. Quando sono arrivata ero molto preoccupata… temevo di non farcela. Invece, grazie al supporto dei miei colleghi, con i quali si è instaurato un bellissimo feeling sin da subito, sono riuscita a dare il meglio me stessa. Oggi posso dire con estrema certezza che ciò che si apprende sui banchi scolastici è nulla in confronto alla pratica professionale.

Quali mansioni svolgi qui?
La mia giornata standard qui in azienda è un po’ particolare, perché in realtà ogni giorno è una scoperta. C’è sempre qualcosa di nuovo da apprendere. Principalmente lavoro in amministrazione, ma sono entusiasta di ricoprire altre mansioni, come: rispondere al telefono, smistamento posta, mail, fax…

Ti piace questo lavoro?
Si mi piace tantissimo. Sono sette mesi, quasi otto che lavoro qui e sono molto soddisfatta del mio percorso. Mi sento meno insicura e più aperta nei rapporti umani. Il rapporto con i colleghi poi è meraviglioso. Mi trovo benissimo. Qui il rispetto reciproco e la condivisione è alla base di tutto.

Da stagista, cosa hai provato quando hai appreso che avresti proseguito la tua esperienza lavorativa oltre i termini?
È stato davvero emozionante, perché inizialmente non mi aspettato il rinnovo del contratto. Solitamente al termine di garanzia giovani molti ragazzi non vengono riconfermati in altri contesti aziendali. Qui invece ho avvertito la voglia di costruire insieme un percorso, la voglia di credere nei giovani e dare loro una possibilità… un’opportunità che mai mi sarei aspettata.